Silvio Formichetti und seine persönliche Ausstellung ‘Malerei im Werden’, in Berlin

formichetti

“LA PITTURA IN DIVENIRE” , ins Deutsch übersetzt  ‘MALEREI IM WERDEN’ lautet der Titel für die Ausstellung von Silvio Formichetti, die vom 4. Dezember 2015 bis zum 3. Januar 2016 in Berlin stattfand (Aufbau von M.G. Lucci und P. Luise).

http://www.artconnect.com/events/malerei-im-werden-silvio-formichetti

FullSizeRender-2

“L’azione del dipingere di Silvio Formichetti appare incoercibile, dinamica, veloce…, un’urgente necessità di espressione della propria passionalità che va al di là di qualsiasi costruzione razionale, oltre ogni progettualità. Egli aziona un innesco di indefinito formale nel pieno possesso della tecnica gestuale e dello spazio, di fatto il suo talento rileva anche nella spigliata padronanza della superficie. La sua pittura, alla fine, è il risultato preterintenzionale di un gesto fortemente emotivo. Indubbiamente, il genere seppur nei termini di una notevole autonomia stilistica ed originalità di intenti, risente consapevolmente della “action painting” di matrice internazionale; cio’ nonostante si può dire che mai come in Formichetti il gesto è legato al tempo in cui si compie, il momento creativo risulta inscindibile dal risultato. Di conseguenza la sua opera porta lo spettatore fuori dal quadro, lo porta indietro al momento dell’azione. inevitabilmente: guardi il quadro e vedi l’autore nell’istante in cui lo realizza. In questo si evidenzia tutta la forza e la sincerità gestuale dell’artista. Gesto immediato, deciso, senza ripensamenti, tramite diretto e viscerale tra le sensazioni visionarie dell’autore e la sua necessità di comunicarle con gli strumenti propri, direi tradizionali, della pittura. Le opere recenti mostrano una rarefazione degli impasti cromatici che risultano più scanditi nel loro sviluppo, un movimento più netto, come uno straordinario tentativo di riordinare il caos informale. Frequente è l’utilizzo della tela bianca a circondare il magma, come ambito di pace o pienezza del nulla. I punti di fuga prima infiniti, continuamente spiazzanti e capaci artatamente di confondere il fruitore, ora si vanno selezionando. L’opera ha un andamento individuale, una direzione, una sorta di racconto incessante. un diario intimo. E’ il diario fatto di pennellate indefinite ma fortemente allusive, di graffi espressivi e di remissive scolature, attraverso cui il pittore esercita il mistero in divenire dell’arte “ (tratto dalla critica di M.G.Lucci)